Per i ricercatori

Negli anziani un supplemento di cacao ricco di flavonoidi migliora lo stress ossidativo plasmatico e i livelli di infiammazione, la mobilità e la qualità di vita: uno studio clinico randomizzato in doppio cieco

L. Munguia, I. Rubio-Gayosso, I. Ramirez-Sanchez, et al.

J Gerontol A Biol Sci Med Sci. 2019 May 6. pii: glz107. doi: 10.1093/gerona/glz107. [Epub ahead of print]

Il declino legato all'età relativo alla massa, alla forza e alle prestazioni del muscolo scheletrico è associato alla perdita di indipendenza, al rischio di cadute, alla disabilità, all’ istituzionalizzazione e alla morte.

Per determinare se un supplemento a base di cacao ricco di flavonoidi può migliorare i livelli dei marcatori plasmatici di stress ossidativo ed infiammazione, la performance fisica e la fragilità nei soggetti di mezza età e negli anziani, è stato condotto uno studio clinico a due fasi, randomizzato e in doppio cieco.

Effetto degli schemi alimentari e del basso apporto proteico sul rischio di sarcopenia nei grandi anziani: The Newcastle 85+ study

A. Granic, N. Mendonça, A.A. Sayer, et al.

Clin Nutr. 2019 Jan 21. pii: S0261-5614(19)30011-1. doi: 10.1016/j.clnu.2019.01.009. [Epub ahead of print]

L'obiettivo era quello di indagare l'associazione tra gli schemi alimentari sani e il rischio di sarcopenia nell'arco di 3 anni, e di determinare se l'assunzione di proteine influenza questa relazione nei grandi anziani residenti in comunità, partecipanti allo studio di Newcastle 85 +.

Un elevato apporto proteico si associa ad una minore probabilità di sviluppo di fragilità nelle donne anziane, Kuopio OSTPRE-Fracture Prevention Study

M. Isanejad, J. Sirola, T. Rikkonen, et al.

Eur J Nutr. 2019 May 7. doi: 10.1007/s00394-019-01978-7. [Epub ahead of print]

Le raccomandazioni nutrizionali nordiche (2012) suggeriscono l'assunzione ≥ 1,1 g / kg di peso corporeo (BW) di proteine al fine di preservare la funzione fisica negli anziani Nord-Europei. Tuttavia, nessuno studio pubblicato ha utilizzato questo cut-off per valutare l'associazione tra assunzione di proteine e la fragilità. Questo studio ha esaminato le associazioni tra l’ assunzione di proteine e le fonti di proteine, con lo stato di fragilità nel follow-up a 3 anni.

Associazione tra gli schemi dietetici all’età di 71 anni e la prevalenza di sarcopenia 16 anni dopo

M. Karlsson, W. Becker, K. Michaëlsson, et al.

Clin Nutr. 2019 Apr 18. pii: S0261-5614(19)30182-7. doi: 10.1016/j.clnu.2019.04.009. [Epub ahead of print]

Il crescente riconoscimento dell'importanza della sarcopenia ha evidenziato la necessità di comprendere i fattori eziologici, in cui l'assunzione di cibo ha probabilmente un ruolo chiave. L'obiettivo era quello di studiare l'associazione tra gli schemi alimentari all’ età media di 71anni e la prevalenza della sarcopenia all’età media di 87 anni in una coorte svedese di uomini residenti in comunità.

Tredici settimane di supplementazione con proteine del siero del latte arricchite di leucina e vitamina D attenuano l'infiammazione cronica di basso grado nei soggetti anziani sarcopenici: lo studio PROVIDE

K. Liberman, R. Njemini, Y. Luiking, et al.

Aging Clin Exp Res. 2019 May 2. doi: 10.1007/s40520-019-01208-4. [Epub ahead of print]

Un profilo infiammatorio cronico di basso grado (CLIP) negli anziani è associato alla sarcopenia. Le proteine e la vitamina (Vit)D hanno un potenziale immuno-modulatorio, ma le evidenze degli effetti dell'integrazione nutrizionale su CLIP sono limitate. L'obiettivo di questo studio era quello di indagare se 13 settimane con proteine del siero del latte arricchite di leucina e vitamina D influenzavano il CLIP nei soggetti arruolati nello studio PROVIDE, come analisi secondaria.

Differenze sesso-specifiche riguardanti l’associazione tra la vitamina D e la bassa massa magra e la fragilità: risultati dal Berlin Aging Study II

D. Spira, N. Buchmann, M. König, et al.

Nutrition. 2019;62:1-6

Le differenze sesso-specifiche nei fattori associati all'invecchiamento e alla durata della vita, come la sarcopenia e lo sviluppo della malattia, sono sempre più riconosciute. Questo studio mira a valutare gli aspetti sesso-specifici dell'associazione tra l'insufficienza di vitamina D e la bassa massa magra, nonché tra l'insufficienza di vitamina D e il fenotipo di fragilità.

Pagine