Per i professionisti sanitari

La fragilità negli uomini anziani: associazioni prospettiche tra la qualità della dieta e gli schemi alimentari

T.J. Parsons, E. Papachristou, J.L. Atkin, et al.

Age Ageing. 2019;48(3):355-360

Un numero crescente di anziani convive con la fragilità e le sue conseguenze negative. Abbiamo studiato le relazioni tra qualità della dieta o schemi alimentari e la fragilità incidente negli uomini britannici anziani, inoltre si è studiato se alcune associazioni erano influenzate dall'infiammazione.

Negli anziani un supplemento di cacao ricco di flavonoidi migliora lo stress ossidativo plasmatico e i livelli di infiammazione, la mobilità e la qualità di vita: uno studio clinico randomizzato in doppio cieco

L. Munguia, I. Rubio-Gayosso, I. Ramirez-Sanchez, et al.

J Gerontol A Biol Sci Med Sci. 2019 May 6. pii: glz107. doi: 10.1093/gerona/glz107. [Epub ahead of print]

Il declino legato all'età relativo alla massa, alla forza e alle prestazioni del muscolo scheletrico è associato alla perdita di indipendenza, al rischio di cadute, alla disabilità, all’ istituzionalizzazione e alla morte.

Per determinare se un supplemento a base di cacao ricco di flavonoidi può migliorare i livelli dei marcatori plasmatici di stress ossidativo ed infiammazione, la performance fisica e la fragilità nei soggetti di mezza età e negli anziani, è stato condotto uno studio clinico a due fasi, randomizzato e in doppio cieco.

Effetto degli schemi alimentari e del basso apporto proteico sul rischio di sarcopenia nei grandi anziani: The Newcastle 85+ study

A. Granic, N. Mendonça, A.A. Sayer, et al.

Clin Nutr. 2019 Jan 21. pii: S0261-5614(19)30011-1. doi: 10.1016/j.clnu.2019.01.009. [Epub ahead of print]

L'obiettivo era quello di indagare l'associazione tra gli schemi alimentari sani e il rischio di sarcopenia nell'arco di 3 anni, e di determinare se l'assunzione di proteine influenza questa relazione nei grandi anziani residenti in comunità, partecipanti allo studio di Newcastle 85 +.

Un elevato apporto proteico si associa ad una minore probabilità di sviluppo di fragilità nelle donne anziane, Kuopio OSTPRE-Fracture Prevention Study

M. Isanejad, J. Sirola, T. Rikkonen, et al.

Eur J Nutr. 2019 May 7. doi: 10.1007/s00394-019-01978-7. [Epub ahead of print]

Le raccomandazioni nutrizionali nordiche (2012) suggeriscono l'assunzione ≥ 1,1 g / kg di peso corporeo (BW) di proteine al fine di preservare la funzione fisica negli anziani Nord-Europei. Tuttavia, nessuno studio pubblicato ha utilizzato questo cut-off per valutare l'associazione tra assunzione di proteine e la fragilità. Questo studio ha esaminato le associazioni tra l’ assunzione di proteine e le fonti di proteine, con lo stato di fragilità nel follow-up a 3 anni.

Alimenti lattiero-caseari ricchi di nutrienti, di alta qualità, contenenti proteine in combinazione con l'esercizio fisico in soggetti anziani per mitigare la sarcopenia

S.M. Phillips, W. Martinson

Nutr Rev. 2019;77(4):216-229

Questa revisione narrativa fornisce le prove a sostegno per le raccomandazioni inerenti agli obiettivi proteici per pasto negli anziani. Tali raccomandazioni sono sostenute dalla conoscenza del turnover delle proteine muscolari.

Associazione tra gli schemi dietetici all’età di 71 anni e la prevalenza di sarcopenia 16 anni dopo

M. Karlsson, W. Becker, K. Michaëlsson, et al.

Clin Nutr. 2019 Apr 18. pii: S0261-5614(19)30182-7. doi: 10.1016/j.clnu.2019.04.009. [Epub ahead of print]

The growing recognition of the significance of sarcopenia has highlighted the need to understand etiologic factors, where food intake likely plays a role. The aim was to investigate the association between dietary patterns at mean age 71 and the prevalence of sarcopenia at mean age 87 in a Swedish cohort of community dwelling men.

Pagine